Boom di espositori a “C’era una volta il libro”

Boom di espositori a “C’era una volta il libro”

 

90 da tutta Italia con escursioni in Olanda e Francia

A Cesena Fiera sabato 19 e domenica 20 novembre seconda edizione della rassegna dedicata all’antiquariato e modernariato librario e al collezionismo cartaceo.

 

 

Cesena – Sarà perché a Cesena è nata una delle prime biblioteche pubbliche al mondo. Sarà perché con l’Eroico Manoscritto è entrato nel guinness dei primati. Sarà ancora perché l’illustre cittadino Renato Serra è stato un bibliotecario. Quel che è certo è un dato: il fascino del libro antico pare avere trovato nella città malatestiana il suo habitat naturale. Ne è prova la seconda edizione di “C’era una volta il libro”, sabato 19 e domenica 20 novembre a Cesena Fiera.

 

La rassegna organizzata da Blu Nautilus ha registrato un boom di espositori: oltre 90 tra librerie antiquarie, operatori specializzati provenienti da tutta Italia (57 nella prima edizione), con presenze per la prima volta anche dall’estero (Olanda e Francia). La mostra mercato propone un excursus lungo cinque secoli di carta ingiallita, dalle rarità bibliografiche alle stampe, dal libro esaurito alla cartografia introvabile.

 

Difficile annoverare tra le semplici coincidenze il successo di espositori antiquari del libro a Cesena. Era la metà del 1400 quando il signore di Cesena Malatesta Novello e sua moglie Violante, contessa di Montefeltro, su richiesta dei frati minori del convento di San Francesco, investirono tutte le loro ricchezze per realizzare quella che sarebbe divenuta una delle prime biblioteche pubbliche, nonché unico esempio di biblioteca umanistica-conventuale al mondo arrivata ai nostri giorni perfettamente conservata sia nella sua particolare struttura architettonica che negli arredi originali e nella dotazione libraria. Qui, solo per dare qualche numero, sono conservati circa 300.000 volumi, tra cui 287 incunaboli, 4000 cinquecentine, 1753 manoscritti, oltre 17.000 lettere e autografi, 341 codici manoscritti dei secoli IX-XV e 48 volumi a stampa dei secoli XV-XVIII. Sempre qui di recente è stato realizzato il manoscritto più grande al mondo (“Eroico manoscritto”), opera collettiva entrata ufficialmente nei Guinness dei primati, ed è conservato il manoscritto più piccolo al mondo, una lettera di Galileo Galilei a Cristina di Lorena, stampata dai Fratelli Salim di Padova nel 1897 nella misura di 15×9 mm.

Un’eredità culturale che stupisce ancora oggi e che contribuisce davvero a rendere Cesena la capitale del Libro Antico.

 

L’evento in programma questo fine settimana, rivolto a collezionisti, ma anche appassionati e semplici curiosi, porterà tra i padiglioni di Pievesestina diverse rarità bibliografiche tra cui, solo per citarne alcune, Enrico Fermi, “Molecole e cristalli”, Bologna Zanichelli editore, anno 1934, volume di estrema rarità sul mercato bibliografico, sia nell’edizione originale del 1934, sia nella ristampa anastatica del 1982. Si inserisce nel percorso di studi che portò lo scienziato italiano ad intuire, tra i primi al mondo, le potenzialità insite nel nucleo dell’atomo.

E ancora, Girolamo Savonarola, “Prediche utilissime per Quadragesima del Venerando Padre Frate Hieronymo Savonarola da Ferrara”, edizione Lazaro di Soardi di Venezia anno 1514. Edizione introvabile, censurata dall’inquisizione anche per mezzo di veri e propri ritagli, da qui quindi la sua importanza e l’interesse collezionistico.

Oppure un pianta di Bologna incisa in rame del ‘700 di Monari e Scarselli “Città di Bologna posta in Pianta in esatta Misura con la distinzione de Portici, che sono in essa dal Geometra Gregorio Monari”, Intagliata & Ornata da Ant. Alessandro Scarselli, 1745. Di dimensioni 850x1000 mm è incisa su quattro fogli.

 

 

Info:

“C’era una volta… il libro” a Cesena Fiera sabato 19 e domenica 20 novembre 2016 – h. 9/19 | Ingresso € 3

www.ceraunavoltantiquariato.it

Facebook: Ceraunavoltantiquariato

Tel. 0546 621554 – 333 3308106

 

Cesena, 15 novembre 2016

 

 

 

 

Agenzia PrimaPagina Cesena

(Filippo Fabbri – Anna Frabotta)

tel. 0547 24284